Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

×

«Metodi per le scelte finanziarie e previdenziali»: corso semestrale, quest'anno on line, per la laurea in Matematica all’Università di Torino: Inizia a breve. Può iscriversi, nel limite dei posti, anche chi non è studente universitario

Iscritti fasulli nei fondi pensione chiusi

Pubblicato lunedì 4 dicembre 2017

Post sul blog del Fatto Quotidiano

Qual è il grande cruccio di sindacati, associazioni imprenditoriali e di chi li rappresenta, come il Sole 24 Ore? L’adesione non propriamente plebiscitaria alla previdenza integrativa. Dal 2007 ripetono alla nausea che i fondi pensione sono una meraviglia e gli italiani cocciuti non gli danno retta. Un vero peccato, perché soprattutto i fondi chiusi (ovvero negoziali) sono una grande greppia che distribuisce poltrone, prebende, subappalti di gestione e all’occorrenza servirà per soccorrere le aziende decotte, comprandone azioni e obbligazioni.

Così le pensano tutte per gonfiare surrettiziamente il numero degli iscritti e l’organo di controllo (Covip) collabora. Vedi gli autoferrotranvieri per cui in base al contratto nazionale da metà 2017 sono da “versare a carico dell’azienda al fondo Priamo!” per ogni lavoratore 90 euro l’anno (!) e “per i lavoratori che non risultino iscritti a Priamo, tale contributo comporta l’adesione contrattuale degli stessi al fondo medesimo”. Una cosa insulsa dal punto di vista previdenziale: quei 90 euro annui frutteranno per esempio a un 50-enne un’integrazione della pensione sui 15 centesimi di euro al giorno. Una furbata però per gonfiare le adesioni.

L’Unione Sindacale di Base (Usb) cercò di bloccare la cosa, perché cozzava contro il regolamento stesso del fondo, e pareva esserci riuscita. Ma la Covip ha dato il via libera, autorizzando la cosiddetta adesione contrattuale, benché nient’affatto “libera e volontaria” come richiederebbe la legge quadro, bensì coatta e automatica. I sindacati concertativi (Cgil, Cisl, Uil) cantano vittoria con un comunicato dai toni arroganti. Il loro potere e i loro interessi innanzitutto, la libertà di scelta dei lavoratori per ultima.

Ciò si inserisce però in una strategia molto più ampia per aumentare gli iscritti fittizi, cioè con versamenti irrisori solo per far numero. Anche altri fondi pensione prevedono adesioni coatte o, pardon!, contrattuali. Prevedi nel 2015 ha portato così le adesioni da 39 a 507 mila, Eurofer ha inventato gli iscritti fantasma ecc. Inoltre la lobby della previdenza integrativa ha ottenuto con l’ultima “Legge annuale per il mercato e la concorrenza” di poter fissare una percentuale minima diversa dal 100% per il conferimento del Tfr alla previdenza complementare (art.1, comma 38, lett. a della Legge 124/2017). Prima un lavoratore doveva destinare al fondo pensione tutto il suo Tfr o niente.

Ora, potendo magari versarvi solo l’1% o meno, per i sindacati sarà più facile ottenere nuovi iscritti. È vero che la cosa ha qualche controindicazione, ma è imbarazzante un modesto 27,8% per la quota di partecipazione alla previdenza complementare (Relazione Annuale Covip pr il 2016). Tutto fa brodo, pur di incrementarla e portarla magari al 51%. Anche versamenti di un centesimo l’anno.

BeppeScienza

Allegati


Potrebbero interessarti

Anche i premi di produttività servono per ingabbiare i lavoratori nella previdenza integrativa. E alla Sogin (ex gruppo Enel) Cgil, Cisl e Uil ne hanno pensata un'altra.

Smontati i rendimenti gonfiati sui 10 anni di previdenza integrativa del Sole 24 Ore.

I padroni della previdenza integrativa continuano a trattare i lavoratori come persone da porre sotto tutela, prendendo decisioni sopra la loro testa.

Iscritti-fantasma nei fondi pensione chiusi. Dopo Priamo e Prevedi, prosegue la strategia occulta dei sindacati per gonfiare gli iscritti ai fondi concertativi, ovvero sindacal-padronali.

La Fim-Cisl vuole cambiare l'art. 38 della Costituzione Italiana: provvedere alle pensioni non spetta più allo Stato, bensì ai fondi sindacal-padronali.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».