Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

×

Buono fruttifero postale Obiettivo 65: «Debutta in sordina un nuovo prodotto per la pensione integrativa: forte garanzia»: articolo sul Fatto Quotidiano lunedì 23 nov. 2020 pag. 13. Straccia per sicurezza tutti i fondi pensione, piani e polizze previdenziali, perché indicizzato all'inflazione.

Pensioni, perché la previdenza complementare è rischiosa e non conviene

Pubblicato sabato 19 maggio 2018

Post nel blog del Fatto Quotidiano

In tanti mi avete chiesto di parlare del blog di Area pro labour secondo cui la costituzione di una pensione complementare costituisce, allo stato attuale, quasi una necessità“. È forse cambiato qualcosa nella normativa, nei prodotti o più in generale nella realtà? Non è certo sostanziale la modifica alla percentuale minima di Tfr da destinare a fondi pensione e simili contenuta nella legge per la concorrenza del 2017; e comunque non ancora operativa.

In effetti rimane confermato tutto quanto pubblicato in numerosi articoli su Il Fatto Quotidiano e post del mio blog, ovvero che fondi pensione, piani individuali pensionistici (pip) e polizze vita previdenziali, di regola sono tutti da evitare, salvo tutt’al più per chi ha una passione per i rischi finanziari, associata a una fiducia cieca nell’onestà di gestori, amministratori, intermediari ecc.

Può però essere utile riassumere e ribadire i tanti pericoli, difetti e limiti dei fondi pensione e in generale di tutta la previdenza integrativa. Se in futuro cambierà, riprenderemo il discorso. Ma per come stanno attualmente le cose, il discorso è chiuso. Infatti essa è:

1. senza garanzie reali, cioè nei confronti dell’inflazione, perché neppure i comparti cosiddetti garantiti assicurano il potere d’acquisto del capitale o della rendita futuri (vedi articolo);

2. rischiosa, perché esposta agli andamenti dei mercati finanziari;

3. opaca, perché non si ha nessun diritto di conoscere cosa i fondi e i pip hanno comprato o venduto, né quando né a che prezzi;

4. esposta alle malversazioni, perché senza trasparenza non è possibile scoprire eventuali imbrogli, ruberie ecc.

5. non conveniente, perché il vantaggio fiscale si ribalta facilmente in perdita per gli alti costi (vedi articolo);

6. viziata da conflitti d’interesse, perché gli imprenditori hanno voce in capitolo per convogliare fino al 30% dei fondi chiusi verso aziende che vogliono aiutare, magari decotte;

Tali caratteristiche la rendono sconsigliabile ai fini previdenziali. Viceversa il Tfr è:

1. sicuro, perché le somme accantonate non scendono mai, caratteristica che il Tfr ha in comune solo coi buoni fruttiferi postali;

2. difensivo, perché agganciato all’inflazione;

3. trasparente, perché la formula di rivalutazione è fissata dal codice civile (art. 2120);

4. senza costi, perché privo di qualsivoglia intermediazione fra lavoratore e azienda;

5. ideale per una rendita integrativa, perché il capitale è convertibile in una rendita vitalizia.

La previdenza integrativa o complementare (è la stessa cosa) non è affatto necessaria, ma al contrario da evitare. Nulla da ridire invece sulle considerazioni prettamente giuridiche nel caso di omessi versamenti nei fondi pensione da parte dei datori di lavoro, che costituiscono la seconda parte del post di Area pro labour.

Molto da ridire però sull’affermazione che in caso di azienda con meno di 50 dipendenti, se il lavoratore non opta per i fondi complementari, il Tfr rimane in azienda, perché non è vero. Se entro sei mesi il neo-assunto semplicemente non opta per i fondi complementari il suo Tfr finisce nella previdenza integrativa per l’automatismo noto come silenzio assenso. Al riguardo il decreto legislativo n. 252/2005 e la sua applicazione non fanno nessuna distinzione a seconda del numero dei dipendenti, contrariamente a quanto scritto nel post. Bisogna richiedere in tempo in modo esplicito e conviene farlo, che il Tfr rimanga in azienda o (più precisamente) resti regolato dall’art. 2120 del codice civile.

Beppe Scienza


Potrebbero interessarti

Notizie Tiscali ha chiesto a Beppe Scienza di spiegare a voce perché sono falsi (e gonfiati) i rendimenti dei fondi pensione pubblicati dal Sole 24 Ore in prima pagina:

TESI DI LAUREA del candidato Livio Nervo, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI ECONOMIA - Relatore: Prof. Giovanna Nicodano - Correlatore: Prof. Beppe Scienza

Smentiti i consigli della ditta Altroconsumo a favore della previdenza integrativa.

Ma Beppe Scienza, docente di Metodi e modelli per la pianificazione finanziaria all’Università di Torino, mette in guardia i lavoratori dalle facili illusioni e dalle sirene che spingono in un’unica direzione.

Beppe Scienza, in Fondi pensione o TFR

Espressioni e toni da spot pubblicitario nella trasmissione in onda su radio 24 a cura di Debora Rosciani.

Il regolamento autorizza di fatto quasi il 40% di titoli non quotati, per esempio cattive obbligazioni bancarie, e permette il 20% in fondi chiusi o in fondi speculativi (o hedge). Tutte cose che cozzano con ogni finalità previdenziale.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».