Questo sito fa uso dei cookie

In questo sito utilizziamo cookie tecnici, necessari per il corretto funzionamento e il miglioramento dell'esperienza di navigazione dell'utente.

Utilizziamo cookie di terze parti per contare le visite e dati d'accesso al sito, ma non sono associati all'IP e anche questi possono essere considerati cookie tecnici.

Per i video di Youtube incorporati abbiamo attivato la "modalità privacy avanzata".

Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

Risparmio e Previdenza. Perché non è sempre valido che chi più spende, meno spende

Articolo di Beppe Scienza sul Fatto Quotidiano di lunedì 28 febbraio 2022 a pag. 15

Tempo fa si pagavano solo commissioni sugli investimenti e gli eventuali smobilizzi, in genere uno 0,5-0,7% per il reddito fisso o le azioni. Poi alcuni hanno capito che era possibile raschiare via soldi ai clienti in continuazione, giorno dopo giorno. Bastava convincerli a dare in gestione i propri risparmi, anziché fare da soli.

Ecco perché banche e venditori porta a porta mirano a rifilare sempre e solo prodotti che comportano costi continui. Tali sono i fondi comuni, le polizze vita e la previdenza integrativa nelle loro varie forme. Così nell’arco degli anni si subiscono veri e propri salassi. Il peggio del peggio è quando un genitore (o altri) sottoscrive un fondo pensione o simile intestandolo a un bambino. Con costi anche solo dell’1% annuo, in sessant’anni la somma intrappolata viene decurtata del 45%.

La variabile costi è la cifra per interpretare le strategie commerciali di banche e promotori. Cioè per capire perché spingano alcune alternative a discapito di altre, di regola migliori. Vediamolo in particolare per l’inflazione, per stare sull’attualità. Le soluzioni migliori, cioè più sicure per la difesa del potere d’acquisto delle somme accantonate, vengono sistematicamente taciute, quando non sconsigliate, perché hanno costi bassissimi o addirittura nulli.

Chi sottoscrive o detiene buoni postali indicizzati all’inflazione non paga commissioni né di sottoscrizione, né di riscatto e tanto meno periodiche. E infatti alle Poste è normale che spingano tutt’altro, in particolare le polizze a vita.

Nessuna commissione, provvigione, spread ecc. viene applicata al Trattamento di fine rapporto (Tfr) accantonato presso l’azienda. Una forma di risparmio, seppur forzoso, dove però nessun intermediario decurta le rivalutazioni, in pratica gli interessi, che l’azienda riconosce al lavoratore. Ecco così che i sindacati, in allegra sintonia con banche e assicurazioni, cercano di dirottarlo nei loro fondi pensione, che gli fruttano poltrone e prebende.

Chi compra Btp indicizzati all’inflazione, cioè Btp Italia, Btp-i o gli equivalenti esteri (Oatei, Bundei ecc.), paga all’intermediario una modesta percentuale per l’acquisto. A dir tanto lo 0,5% una volta ogni 5, 10 o anche 30 anni; o al più due volte, se non aspetta il rimborso. Già solo passando a un Etf perde ogni garanzia e paga una gabella annua. Ma c’è di peggio. Cosa consiglia infatti per scritto Stefano Barrese, alto direttore di Banca Intesa-Sanpaolo, “per evitare il rischio che i risparmi in futuro valgano meno per effetto dell’inflazione”? In e-mail inviate ai clienti li sprona ad “attivare un Piano di Accumulo su un fondo comune di investimento o un Premio Ricorrente su un prodotto di investimento assicurativo”. Prodotti del tutto inadatti perché non hanno nei regolamenti nessuna garanzia in potere d’acquisto, sono per giunta opachi, ma in compenso fanno guadagnare sempre più soldi alla banca.

Beppe Scienza


Potrebbero interessarti

I fondi comuni italiani o esteri, sono macchine per trasferire ricchezza dai risparmiatori alle tasche dei banchieri, gestori, venditori. Video

Beppe Scienza, in Video e podcast

Una modifica richiesta dalle società di gestione e spacciata come vantaggiosa per i risparmiatori. Peccato che non sia vero.

Da: ilfattoquotidiano.it, Blog | di Beppe Scienza (29 giugno 2011) Dal 1° luglio 2011 parte una diversa tassazione dei fondi comuni d’investimento italiani. L’industria parassitaria del risparmio gestito la sbandiera come molto vantaggiosa per i risparmiatori. Addirittura come l’inizio di una palingenesi per i fondi comuni. Ovviamente i giornalisti economici ripetono come pappagalli tale scempiaggine. In realtà con la nuova normativa fiscale i clienti dei fondi di diritto italiano pagheranno nel complesso più tasse di prima. Finora erano tassati col sistema introdotto da Vincenzo Visco nel 1...

Beppe Scienza, in Fisco

L'indagine di Mediobanca su fondi comuni, fondi pensione italiani, evidenzia una distruzione di valore pari a circa 86 miliardi di euro nell’ultimo quindicennio, quattrini portati via ai risparmiatori e finiti nella tasche di venditori, gestori, intermediari ecc. La ricerca è frutto dell'iniziativa e dell'impegno di Fulvio Coltorti, un economista onesto e competente, per decenni responsabile dell'area studi del gruppo Mediobanca.

Mini-guida ai fondi comuni. I principali artifizi per abbindolare i risparmiatori e rifilargli fondi comuni.

Beppe Scienza, in Danni del risparmio gestito

Replica di Beppe Scienza a lettera di Io Investo sugli Etf. Sul Fatto Quotidiano (12-6-2020 p. 12)

Beppe Scienza, in Indicazioni di investimento

L'ultimo libro di Beppe Scienza
Ponte alle Grazie, 204 pagine, 15 euro.

L'ultimo libro di Beppe Scienza
Ponte alle Grazie, 204 pagine, 15 euro.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp futura btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conti dormient.. conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel Esg etf euro euro digitale euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fineco fisco fondi comuni fondi pensione fondinps fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti jobs act La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe moneyfarm monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. obiettivo 65 oro Oscar giannino pac palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni perseo-sirio piani d'accumu.. pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela viva i contant.. welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».