Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

Usura. Spremere i clienti legalmente (o quasi)

Pubblicato domenica 13 ottobre 2013

Articolo su Il Fatto Quotidiano del 9 ottobre 2013 a pag. 14

Un anno fa Banca Intesa addebitava il 20,42% ai piccoli correntisti andati in rosso. Evidentemente troppo poco, visto che ora pagano invece un elegante 22,22%.

Eppure i saggi d'interesse non sono saliti, con l'euribor vicino allo 0,2%. Quindi come la mettiamo? Il problema è (anche) nella definizione di usura. Nel trimestre scorso per gli scoperti senza affidamento (fino a 1.500 euro), ovvero per chi ha un imprevisto saldo negativo sul conto corrente, si è pagato mediamente il 16,22% su base annua. Per legge, perché adesso ci sia usura, bisogna superare questo tasso di otto punti percentuali.

Quindi stando sotto al 24,22%, si è a posto. E furbescamente l'anno scorso Intesa comunicò che avrebbe addebitato di volta in volta il tasso soglia dell'usura, diminuito del 2%.

Ora il punto non è tanto che Banca Intesa sprema i suoi clienti come limoni, perché questa è la sua filosofia aziendale, quanto gli effetti perversi di una stortura della legge sull'usura del 1996, solo stemperata due anni fa (d.l. 13-5-2011, n. 70).

Cosa capita infatti se molte altre banche si allineano al primo istituto di credito italiano, cosa plausibile visto che la mela marcia imputridisce le mele sane e non viceversa? Il tasso medio tende al 22%. Ma in tal caso il trimestre dopo la soglia per l'usura passa al 30%. Al che ai correntisti verrebbe addebitato lecitamente il 28% e così via.

Analogo discorso per altri finanziamenti. Già ora non è considerato usurario un 18,9% per i crediti personali, un 18,2% per la cessione del quinto dello stipendio, un 25% per le carte di credito revolving ecc. Per la cronaca le banche ottengono soldi dalla Banca Centrale Europea allo 0,5%.

Con la normativa vigente basta un accordo anche tacito fra banche e finanziarie, per far salire progressivamente le soglie per il reato di usura e poter così applicare interessi sempre più alti, senza violare nessuna la legge.

L'errore (o l'imbroglio) è stato porre un automatismo nella definizione di usura. Gli automatismi in finanza sono sempre una soluzione facile ma illusoria: fa bene a evitarli l'investitore, ma dovrebbe evitarli anche il legislatore.


Potrebbero interessarti

La legge sull'usura permette alle banche di far salire senza limiti i tassi degli interessi addebitati ai clienti, Beppe Scienza lo spiega a Radio 24, intervistato da Oscar Gianino.

Beppe Scienza sll'usura nel programma L'ultima parola condotto da Gianluigi Paragone

Beppe Scienza, in Video e podcast

La legge sull'usura permette alle banche di far salire senza limiti i tassi degli interessi addebitati ai clienti; con le modifiche del 2011 vengono penalizzati i mutui casa a tasso variabile.

Beppe Scienza ospite di Giulia Cazzaniga all'AnteprimaWeb dell'UltimaParola del 25 gennaio 2013, interviene su redditometro, uso del contante, riserve auree, usura bancaria, previdenza ecc.

Banca Intesa manda a raffica pubblicità per prestiti personali al 7,75% e si permette toni confidenziali, che suonano subito artefatti.

Beppe Scienza, in Attualità
Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».