Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

Mediobanca: il risparmio gestito arricchisce solo gestori e venditori

Pubblicato lunedì 30 ottobre 2017

Articolo su Il Fatto Quotidiano del 30-10-2017 a pag. 18

Se inizio col dire che Mediobanca pubblica dati spaventosi sul risparmio gestito, un lettore assiduo commenterà: "Ma lo ha già detto". Invece no, perché non provengono dal suo ufficio studi, bensì da Mediobanca Securities, un'unità operativa che si rivolge agli investitori istituzionali; e recano la firma di Gian Luca Ferrari, anziché di Fulvio Coltorti, Gabriele Barbaresco o Matteo Pizzingrilli.

Ma sono ugualmente scandalosi i numeri pubblicati nella sua dettagliata analisi del 12-6-2017, purtroppo solo in inglese: "KIIDs don't lie" (vedi allegato), cioè non mentono i Kiid, che sono documenti informativi obbligatori per i fondi comuni.

L’approfondimento si concentra sul peso nel 2016 delle commissioni di incentivo o performance, che aggravano il salasso per i risparmiatori, in particolare per Azimut, Banca Generali e Mediolanum.

Così per esempio Azimut Japan Champion è andato in negativo (-1,5%) solo per il peso micidiale delle commissioni (4,2%). Per otto fondi di Banca Generali gli addebiti superano il 5%, portandone cinque in rosso o a rendimenti risibili. Mediolanum con BB European Collection SH riesce far perdere l’1,5% sottraendo un 4,2% ai clienti.

La commissione di incentivo, performance fee per gli anglofili, in apparenza è sensata. Premierebbe il gestore bravo. Di fatto funziona bene solo per gonfiare i guadagni di gestori e venditori, a puro danno dei clienti. Per questo il 14-4-2015 la Banca d’Italia impose alcuni limiti, in realtà ancora troppo laschi. Al che, veloci come lepri o meglio come sciacalli, alcune società spostarono subito la gestione in Irlanda e/o Lussemburgo, paesi specializzati nel permettere l’elusione d’imposta alle multinazionali e/o prelievi dalle tasche dei risparmiatori tramite clausole-capestro, che in patria sarebbero vietate.

Ferrari scrive che per 113 dei fondi esaminati, i costi fanno sì che “i clienti (cioè i risparmiatori) rigirano circa il 50% della loro performance ai gestori” e al riguardo “crediamo che gli investitori non siano al corrente di ciò, né del fatto che molti fondi addebitano commissioni di performance anche se i clienti perdono”.

Il messaggio che la ricerca vuole inviare agli investitori istituzionali, è che prima o poi le società “incriminate” ridurranno tali addebiti e quindi gli utili. Più immediate le indicazioni per i risparmiatori: fare di ogn’erba un fascio e smobilizzare subito qualunque fondo con commissioni di incentivo.

Beppe Scienza

Allegati


Potrebbero interessarti

I fondi comuni sono prodotti poco trasparenti e conti alla mano hanno reso meno dei titoli di Stato. Ecco perché è meglio evitarli!

Traditi dalla Borsa e spaventati dalla crisi i risparmiatori si rivolgono ai conti correnti che promettono più del 4 per cento. Ma c'è da fidarsi?

I crac di Argentina, Cirio e Parmalat, Lehman Brothers, banche Islandesi e Grecia hanno provocato perdite stimabili sui 12-13 miliardi di Euro. Il danno causato dai fondi comuni, fondi pensione, ecc... ammonta a 25 miliardi all'anno.

L'indagine di Mediobanca su fondi comuni, fondi pensione italiani, evidenzia una distruzione di valore pari a circa 86 miliardi di euro nell’ultimo quindicennio, quattrini portati via ai risparmiatori e finiti nella tasche di venditori, gestori, intermediari ecc. La ricerca è frutto dell'iniziativa e dell'impegno di Fulvio Coltorti, un economista onesto e competente, per decenni responsabile dell'area studi del gruppo Mediobanca.

I dati sono sempre dell'Ufficio Studi di Mediobanca, che però quest'anno non li ha evidenziati come gli anni scorsi. Eppure essi confermano quanto già visto: il risparmio gestito distrugge ricchezza.

L'edizione 2015 di 'Dati di 961 fondi e sicav italiani (1984-2014)' dell'ufficio studi di Mediobanca, unica analisi onesta e approfondita del settore, presentata diversamente dagli altri giornali.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».