Il risparmio tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il Risparmio Tradito ® a cura di Beppe Scienza
I danni causati ai risparmiatori da fondi, gestioni e previdenza integrativa.

Il risparmio tradito ®

×

«Metodi per le scelte finanziarie e previdenziali»: corso semestrale, quest'anno on line, per la laurea in Matematica all’Università di Torino: Inizia a breve. Può iscriversi, nel limite dei posti, anche chi non è studente universitario

Nuovi titoli del Tesoro, investitori trattati da scemi e qualche rischio

Articolo di Beppe Scienza sul Fatto Quotidiano di lunedì 18 maggio 2020 a pag. 21

Parte oggi il collocamento di un nuovo titolo del Tesoro indicizzato all’inflazione italiana, preceduto dal solito coro di apprezzamenti più o meno patriottici. È il Btp Italia maggio 2020-25, codice Isin IT0005410904, che di per sé non è una schifezza. Anzi, è un titolo difensivo grazie all’aggancio appunto al costo della vita con un rendimento reale lordo al minimo dell’1,4% più l’inflazione, se positiva. Ciò non esclude comunque le brutte sorprese, vedi il precedente Btp Italia ottobre 2019-2027, ugualmente emesso a 100, che ora quota 93 euro. Per chi tiene tali titoli fino alla scadenza, c’è poi anche un piccolo premio di fedeltà.

Non nascondiamoci però dietro a un dito. Il problema per questa emissione è il solito. È la preoccupante situazione dei conti pubblici italiani. L’indebitamento dell’Italia, prima sul 135%, si appresta a raggiungere l’angosciante livello del 160% del prodotto interno lordo; e forse anche a superarlo. Ciò non implica il crac dell’Italia, ma il timore può diffondersi più rapidamente di un virus. Certo che l’aumento dei debiti pubblici è un fenomeno generale. Solo che in Germania si parla di un aumento dal 59% al 70%: è molto diverso.

È quindi opinabile l’opportunità di aderire all’offerta del Tesoro. Aggiungiamo il fatto che esso ha annunciato una nuova tipologia di titoli per i risparmiatori entro l’anno. Meglio quindi tenere comunque liquidità da destinare eventualmente a essi. In ogni caso lasciare soldi fermi sul conto è un comportamento saggio e prudente, al contrario di quanto dicono e scrivono sedicenti esperti. In realtà vogliono solo fare guadagnare banche e cosiddetti consulenti. Per questo pressano i risparmiatori a prendersi sul groppone le loro trappole e li trattano da imbecilli se stanno fermi. Cioè liquidi.

Certo che rispetto a fondi, polizze, certificati ecc. è più prudente mettere qualcosa in questi Btp. In particolare potrebbe convenire vendere Btp a tasso fisso, meglio ancor se con guadagni fiscalmente coperti da minusvalenze pregresse, per passare a questi o ad altri titoli con aggancio al costo della vita.

C’è poi una cosa che dà sempre fastidio coi Btp Italia. Il fatto che i risparmiatori vengano trattati come investitori di seconda categoria, condannati a decidere con informazioni incomplete. Possono infatti sottoscrivere i Btp Italia solo prima dell’annuncio ufficiale del tasso d’interesse reale definitivo, forse dell’1,4% e forse maggiore. Invece gli investitori istituzionali (fondi, banche ecc.) possono farne richiesta dopo che esso è stato reso pubblico.


Potrebbero interessarti

La corsa al Btp Italia corona il successo del titolo di Stato anti inflazione. Le caratteristiche e i difetti del titolo di via XX Settembre secondo Beppe Scienza

Nuovi titoli del Tesoro 2017-23, indicizzati al costo della vita: breve rassegna delle alternative.

Alcuni consigli per difendersi dai rischi dell'inflazione: titoli di stato e buoni postali indicizzati e il vecchio, vituperato ma sempre valido TFR.

Il TFR è lo strumento più efficace contro l'inflazione. Il risparmiatore prudente fa bene a prendere in seria considerazione gli investimenti legati al costo della vita.

Prodotti finanziari che offrono un rendimento agganciato ma sempre superiore all'inflazione.

Beppe Scienza, in Difesa dall'inflazione

Tabella di confronto tra buoni fruttiferi indicizzati all'inflazione e ordinari.

Blog
Tags
ABI abn amro adusbef alitalia allianz altroconsumo Angela Merkel arbitraggio assogestioni azimut azioni bail in Banca Etica banca imi banca intesa banca marche Banca Mondiale banca popolare.. bankitalia bce Beppe Grillo beppe scienza bitcoin bond bond argentina borsa bot Bot-people brunetta btp btp italia btp-i bund bundesbank buoni del teso.. buoni fruttife.. busta arancio Byblos capital gain CariChieti CariFerrara carrai cassa depositi.. cat bond cedolare secca certificati certificati di.. cina Cometa Commerzbank confindustria consob consulenti fin.. contante conti deposito conto arancio coronabond coronavirus corriere della.. covip debito publico default diamanti dividendi dollari economia educazione fin.. edufin enel etf euro euromercato evasione fisca.. Fabrizio Forqu.. fai-da-te fideuram fisco fondi comuni fondi pensione fondiss fondo atlante fondo cometa fondo obelisco Fonte For you Fulvio Coltort.. future generali genertel germania gestione patri.. giovannini governo grecia hedge found immobili imposta patrim.. imu inarcassa inflazione inps investimenti La stampa lagarde Lannutti legge finanzia.. m5s Martin Blessin.. Matteo Renzi Maurizio Landi.. mediobanca mediolanum milleproroghe monorchio monte dei pasc.. mutui obbligazioni obbligazioni i.. oro Oscar giannino palazzo chigi paradiso fisca.. pensione integ.. pensioni pip pir polizze vita Popolare Etrur.. poste italiane potere acquist.. previdenza int.. pronti contro.. radio 24 redditometro referendum Renato Brunett.. report riserve auree risparmio risparmio gest.. risparmio trad.. rosciani Ruggero Po scudo fiscale sindacato sole 24 ore speculazione spread stress test svizzera tagliadebito tassi negativi Tesoro Tetrapak tfr titoli di stat.. titoli grecia titoli indiciz.. ufficio delle.. unicredit usura veneto banca Venezuela welfare aziend.. Willis Towers.. World Bank

Newsletter & Social Network

In quanto a previsioni su tassi d'interesse, cambi ecc. faccio mia la battuta di Karl Otto Pöhl, allora governatore della Banca Centrale Tedesca:

«Ich gebe keine Zins- oder Wechselkursprognosen ab, zumindest schon gar nicht für die Zukunft».